Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Società Persone e Cose

Il TTIP è fallito, lo dice il Ministro dell’economia tedesco. Ma non abbassiamo la guardia

  • PDF


C’è voluta la dichiarazione del vice cancelliere tedesco e ministro dell’Economia, il socialdemocratico Sigmar Gabriel, per mettere la parola fine ai negoziati sul TTIP, l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti, di cui si è concluso nel luglio scorso a Bruxelles il 14° round negoziale.
In un’intervista alla rete ZDF Gabriel ha dichiarato che i negoziati sul TTIP sono «di fatto falliti perché noi europei non possiamo accettare supinamente le richiesta americane». Un colpo pesante a quei Paesi membri, Italia in testa, che del Trattato Transatlantico era sostenitori in prima persona ...

L’uomo più saggio che ho conosciuto non sapeva né leggere né scrivere...

  • PDF


di José Saramago.

L’uomo più saggio che ho conosciuto non sapeva né leggere né scrivere. Alle quattro della mattina, quando la promessa di un nuovo giorno ancora indugiava sulla terra di Francia, egli si alzava dal suo giaciglio e andava nel campo, per dare da mangiare alla mezza dozzina di maiali la cui fertilità nutriva lui e sua moglie. I genitori di mia madre vivevano in questa povertà, sulla piccola prole dei maiali che dopo lo svezzamento veniva venduta ai vicini nel nostro villaggio di Azinhaga nella provincia del Ribatejo. I loro nomi erano Jerónimo Meirinho e Josefa Caixinha ed erano entrambi analfabeti ...

Il supermercato gratis, una tendenza in crescita. E in Italia?

  • PDF


di Paola Ganci.

Se non paghi niente per il prodotto, il prodotto sei tu.
E’ il Marketing online, bellezza! Più precisamente è un’implacabile regola di mercato, poiché dietro a un’apparente generosità delle aziende, c’è la volontà di condizionare gli stili di vita degli individui cercando di invitare il consumo di determinati prodotti.
Tale meccanismo, alla base della Free Economy - tendenza commerciale emergente nel nord Europa e in Asia - pare stia cambiando le abitudini e la mentalità dei consumatori. Il suo principio ispiratore lo conosciamo bene tutti in realtà, è lo stesso che regola Tripadvisor, Booking o qualunque altro servizio gratuito in rete che ha come fulcro la recensione e l’opinione spontanea e condivisa dell’utente rispetto a qualcosa che egli utilizza abitualmente, in genere pagando ...

Biasimo funebre

  • PDF


di Luisa Rasero (Segreteria Provinciale Cgil) e Simonetta Ferrero (Referente di Libera in Cgil Asti).

La morte di una persona dovrebbe essere sempre un momento triste, ma quando il nome è Bernardo Provenzano, uno dei più spietati capimafia di questo Paese, si fa fatica a non pensare che il mondo è un poco più pulito. E si capiscono benissimo le parole della coraggiosa Sindaca di Corleone, Lea Savona: “La morte di Provenzano è una liberazione, oggi è il nostro 25 aprile” ...

Democrazia Diretta e Partecipazione entrano finalmente nello Statuto comunale

  • PDF


di Paolo Michelotto.

Il 21 giugno 2016, solstizio d’estate, con una sala del Consiglio Comunale gremita di cittadini, è stato approvato il nuovo Statuto Comunale di Vignola (provincia di Modena). Un lungo applauso dei presenti ha coronato un percorso partecipato durato più di 6 mesi. Il nuovo Statuto Comunale, fortemente voluto dall’amministrazione della lista civica del sindaco Mauro Smeraldi, grazie all’impegno dell’assessore alla cultura e democrazia Monica Maisani (con il grande aiuto della responsabile ufficio partecipazione Dott.ssa Elisa Quartieri e del Segretario Comunale Dott. Giovanni Sapienza e della Dirigente Dott.ssa Elisabetta Pesci), ha introdotto strumenti di partecipazione e di democrazia diretta fortemente innovativi. Vignola è diventata così non solo la capitale della democrazia diretta e partecipata in Italia, ma nell’intero mondo ...

Una Buona Occasione: prevenire è necessario quanto donare

  • PDF


Un nuovo sito è nato dalla collaborazione tra il Settore "Tutela dei cittadini e dei consumatori" della Regione Piemonte e le "Strutture ricettive e commercio" della Regione Valle d’Aosta, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico con i fondi costituiti dalle sanzioni inflitte dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) alle aziende che violano le regole e i principi della libera concorrenza. Vale in questo caso la regola secondo la quale chi ha violato le norme e ha danneggiato i consumatori restituisce, attraverso le sanzioni che è costretto a pagare e le iniziative che vengono con esse realizzate, l'equivalente del danno che ha ingiustamente loro procurato. In questo caso le risorse sono state reperite nell'ambito del programma generale d'intervento denominato "Per una nuova cultura del consumo" ...

Partecipa al Premio Non Sprecare!

  • PDF




Il Premio Non sprecare promuove progetti e buone pratiche economiche e sociali che mettano in discussione il paradigma contemporaneo dello spreco e si rivolge a diversi segmenti della società civile, aerticolandosi in cinque sezioni (Personaggio, Aziende, Istituzioni e Associazioni, Scuole, Giovani) rivolte a persone fisiche e/o giuridiche che abbiano realizzato, nel corso dell’anno decorrente, originali e utili iniziative antispreco ..

Un negozio dove non si acquista ma si prende in prestito la merce

  • PDF

Anche in Italia è stato aperto il primo punto di "Leila", un luogo, uno spazio d’incontro, uno spazio vivo, dove ci si scambiano oggetti, esperienze e occasioni di socialità e in cui il denaro non è più al centro delle relazioni economiche e sociali. Un luogo dove si possono prendere in prestito oggetti, in modo da non doverli acquistare. Sufficiente essere socio (la tessera annuale costa tra 25 e 50 euro), avere qualche oggetto d'uso saltuario da mettere a disposizione degli altri soci e recarvi in questo particolare negozio per poter ritirare in prestito un trapano, un televisore, una stampante o qualunque dei mille oggetti - perfettamente funzionanti - che vi occorrono e che verranno annotati nella vostra scheda assolutamente simile a quella della vostra biblioteca comunale ...

Se la decrescita felice contamina l’economia

  • PDF


di Alessandro Lauro.

E’ possibile parlare di decrescita felice e non finire con l’essere paragonati a sinonimo di rassegnazione?
E’ questa una delle domande importanti che ognuno di noi dovrebbe porsi. E questo non soltanto per prendere sempre più consapevolezza della propria conoscenza della decrescita felice ma anche e principalmente per la consapevolezza dell’impatto con la società reale.
In una recente intervista ad uno dei tanti economisti riuniti a Trento per il festival dell’economia e pubblicata su un importante quotidiano, la decrescita felice è stata paragonata all’ultima soluzione che è quella della rassegnazione ...

Cari maschi, tocca a noi

  • PDF

Ci sono appelli che segnano un passaggio, gridano "basta!" e al tempo stesso aprono a punti di vista finalmente diversi, come questo: "La ripetizione sempre più diffusa di efferati femminicidi chiama ormai in causa gli uomini portatori, più o meno consapevolmente, di una cultura maschilista che li rende carnefici, oltre che “vittime” di tale cultura, ben al di là di una loro (consumata) solidarietà con la persona colpita dalla violenza... La diversità di genere è una ricchezza, ma può scivolare nello sciovinismo maschilista se a tale diversità viene assegnata una gerarchia, ruoli non paritari. Non basta, per noi uomini, firmare appelli in difesa delle donne, partecipare sinceramente commossi a iniziative di solidarietà con loro. Bisognerebbe iniziare a firmare appelli anche contro quella parte di noi stessi che indulge a connivenze complici perché quei maschi assassini non sono alieni venuti da altri pianeti: sono l’esito drammatico di un pensiero che alberga oscuro nelle teste di noi uomini" ...

Senza denaro, sarebbe terribile

  • PDF


di Gustavo Duch.

Questo ipermercato resta chiuso per caos, si leggerà sui cartelli. Senza denaro, sarà terribile: i ricchi non saranno ricchi e i poveri non saranno poveri. Senza benzina, si correrà di meno e si respirerà meglio ma il panico si diffonderà. La fine di un capitalismo che buona parte della popolazione mondiale considera insopportabile ci fa paura. Perché? ...

TTIP: la democrazia di Calenda

  • PDF


di Marco Bersani, Attac Italia.

Dopo la grande manifestazione nazionale contro il TTIP dello scorso 7 maggio, qualcosa si è mosso sui finora impenetrabili media, e del Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti fra Usa e Unione Europea anche nel nostro Paese si inizia a discutere pubblicamente. Un effetto di tutto questo è stata l’apertura, da parte del Ministro Calenda, della sala di lettura nazionale a disposizione dei parlamentari che volessero visionare i documenti del negoziato ...

2 giugno: Festa della Repubblica che ripudia la guerra

  • PDF



A cura del Movimento Nonviolento.

Egregio Presidente Mattarella,
in occasione del 2 giugno, Festa della Repubblica, desideriamo sottoporLe una nostra proposta, comunicarLe un nostro apprezzamento, farLe alcune domande ed illustrarLe una nostra Campagna ...

Masticare bene, masticare tutto. Tutti i benefici della masticazione

  • PDF



Avete mai provato a contare quante volte masticate un pezzetto di pane? 5-6 volte? Pochissime. 15-16? Poche. 25-30? Ancora non ci siamo. Meglio farlo almeno 32 volte, una per ogni dente. Masticare è importante, tanto quanto mangiare bene, e occorre masticare tutto. Perché? Per un sacco di buone ragioni. Ci sono più motivi validi per mangiare lentamente che scuse per essere superficiali e frettolosi ...

Figlia mia, ti scrivo perché…

  • PDF


Da Luca Bedino.

… perché pochi mesi ancora e sarai maggiorenne. Capisco che tu non stia nella pelle: potrai prendere la patente; farti il tatuaggio atteso da anni; berti una birra in compagnia senza le scappatoie da epoca proibizionista.
Avrai pure il diritto di esprimere le tue scelte politiche votando.
In quest’ultimo mese son stato piuttosto assente, soprattutto nei fine settimana – come ben sai – dato che son sceso in strada a raccogliere firme per il referendum sulla legge elettorale. Non potevo restarmene con le mani in mano: la posta in gioco è troppo alta. Mi hai anche accompagnato, un venerdì pomeriggio, toccando con mano la fatica di spiegare e d’invitare a sottoscrivere ...

Altri articoli...

  1. Fermare il TTIP è necessario. Insieme è possibile
  2. Lettera alle mie amiche che mi hanno ucciso nell'anima
  3. Bere tanta acqua al giorno? E perché mai?
  4. Cinque mosse per aprire un Gruppo di Acquisto Solidale
  5. Nasce il Coordinamento Migranti della Cgil di Asti
  6. Il Gesto dell'Ombrello. Stimoli per un corretto insediamento agricolo
  7. Ribellarsi facendo la spesa
  8. Lettera di un Docente di ruolo
  9. Basta compiti, non è così che si impara!
  10. La rivoluzione della Pasta Madre
  11. Viaggio sola
  12. Per una politica commossa
  13. Avventura libica: Eia, Eia! Alalà! C'era una volta l'articolo 11
  14. Il Governo Renzi ci toglie le tasse sulla casa e poi direttamente la casa
  15. Dieci domande a chi vuole portare l’Italia in guerra in Libia “contro Daesh”
  16. Partiamo dal cibo!
  17. Quel sito, costato molto, che non serve
  18. Ispirati dagli Archivi
  19. Siria, ad un passo da noi
  20. L'integrazione dell'universo
  21. Il non-lavoro è un modo di fare la rivoluzione? No, di viverla
  22. Il Cannibalismo delle corporazioni: quello che sta avvenendo
  23. Un’altra guerra
  24. Con Nanni Salio. Gandhi: «In mezzo alla morte persiste la vita»
  25. REIS e Alleanza contro la povertà: una proposta necessaria e realmente sostenibile
  26. Bassel: un rifugiato politico da Asti all'Università di Pavia
  27. Giornata della memoria in una scuola elementare di Asti
  28. Mi permetto di dirle che Lei è uno stronzo ...
  29. La storia di una delle ultime partigiane viventi
  30. La più bella del mondo
  31. L’ABC del buon amministratore
  32. Quando una società sprofonda nella lussuria, la sua fine è solo questione di tempo
  33. Corpi civili di pace: nel 2016 partiranno i primi 200 giovani
  34. Dieci semplici ragioni per impedire una criminale follia
  35. La fabbrica delle capre