Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Il pugno di Bergoglio

  • PDF


di Mao Valpiana, giornalista, direttore di “Azione nonviolenta”.


Anche il Papa è discutibile. Una sua recente frase ha suscitato polemiche ed interpretazioni diverse. Qualcuno ha detto che il richiamo al “pugno” potrebbe essere inteso come legittimazione della violenza. A me non pare.
L'esegesi di un testo comincia dal contesto. In questo caso si tratta di un dialogo con i giornalisti, durante un lungo viaggio aereo. Dunque non una frase inserita in un'Omelia, o in un discorso ufficiale dal soglio di San Pietro, o in un'Enciclica, ma poco più che una chiacchierata. Un contesto “laico”, come spesso ci ha abituati Papa Francesco, avvallando l'idea che il suo pensiero personale va disgiunto da quello della Dottrina ...

Matite temperate e fucili spezzati

  • PDF


A cura del Movimento Nonviolento.


Hanno voluto spezzare le matite. L'hanno fatto con i kalashnikov.
Sono così deboli che hanno avuto paura di un disegno, così vigliacchi che hanno avuto bisogno di coprirsi il volto. La reazione della Francia e del mondo civile è stata immediata, spontanea. Migliaia di matite sono state innalzate nelle piazze. Nel giorno dell'orrore, questa simbologia ci sembra la più significativa: matite contro kalashnikov, cultura contro morte, nonviolenza contro barbarie ...

L'uomo e le religioni

  • PDF


di Vinicio Capossela.


Qui Allah, Dio Padre Onnipotente, Jahvè, non c’entrano nulla. Se una forza creatrice c’è, un’armonia nascosta e incomprensibile, un po’ di sputo divino impastato nel fango, qui non c’entra.
Questo è solo l’uomo. Capace di cose alte e grandi e capace dell’orrore. Capace di impugnare una matita per giocare o un’arma pesante per uccidere ...

Il fiore che non sfiorisce

  • PDF



di Daniele Dal Colle.


Nell’economia del mondo qual è il ruolo del fiore?
Piccolo, piegato, esposto, degnato appena di uno sguardo, ignorato nel suo fondamentale ruolo di sentinella della vita su questo pianeta. Certezza per le api, offre colori e profumi e allegria, capace di trasformarsi e di rinascere ogni volta diverso.
Questa, è la Marcia per la Pace ...

Ma il Movimento Nonviolento non aderisce alla Perugia-Assisi

  • PDF


A cura del Movimento Nonviolento.

Siamo in marcia per la pace e la nonviolenza ... Per tutte queste ragioni il Movimento Nonviolento (fondato da Aldo Capitini) – nella consapevolezza che la Marcia della Pace, patrimonio collettivo del movimento, per la forza della sua storia, l'evocazione, la suggestione, e lo spirito che richiama dovrebbe essere una "Assemblea in cammino", "aperta" e di "tutti" - ritiene che non vi siano le condizioni per poter aderire alla Perugia-Assisi del 2014 ...

Asti in marcia per la pace prima della Perugia-Assisi

  • PDF


"Camminando s’aggiunge qualcuno
” si è sentito dire sabato mattina durante la marcia proposta dal Tavolo della pace astigiano col significativo invito Il cambiamento sta nel cammino. Non erano i grandi numeri che uno si sarebbe atteso, dato il disordine di questo mondo, che ogni giorno rende attoniti e impotenti. Ma, alla salita di via Giobert e poi in via Pietro Micca, dare un numero, oltre 500 persone, non era affatto azzardato ...

La pace è la nostra bandiera

  • PDF


A cura dei Bimbisvegli della 3a C, scuola elementare Rio Crosio di Asti.


Sabato 4 ottobre ad Asti c’è stata la marcia della Pace. La nostra classe ha deciso di partecipare perchè pensiamo che la pace sia una cosa seria e che è l’unica luce che può illuminare la vita e i cuori delle persone. Anche se siamo bambini pensiamo che la pace si costruisce imparando a risolvere i problemi tra le persone con il dialogo, le votazioni e se serve con gli scioperi o anche la disobbedienza alle ingiustizie ...

Un’altra difesa è possibile: al via l’iniziativa

  • PDF


A cura del Movimento Nonviolento.


Il 2 ottobre si è celebrata la Giornata Internazionale della Nonviolenza (indetta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite). La data è stata scelta in quanto anniversario della nascita di Gandhi, ispiratore dei movimenti per la pace, la giustizia, la libertà di tutto il mondo. È infatti con Gandhi che nasce la nonviolenza moderna. Il Mahatma è il profeta della politica nonviolenta, strumento collettivo di liberazione, metodo di lotta alternativo alla guerra ...

Facciamo insieme un passo di pace. Nella giusta direzione

  • PDF


di Mao Valpiana (editoriale di "Azione nonviolenta", Anno 51, n
umero 604).

E' stata un'estate di guerra: a Gaza, in Palestina e Israele, in Siria, in Iraq, in Libia, in Afghanistan, in Ucraina … bombe, missili, massacri, stragi, rappresaglie, decapitazioni, plotoni di esecuzione, rapimenti, fosse comuni … nessuna delle efferatezze, degli scempi, delle brutture della guerra ci è stata risparmiata. Qualcuno ha parlato di “crimini di guerra”, per condannare le stragi di civili, le bombe sulle scuole e gli ospedali. Ma qual è il limite tra una guerra “civile” e una guerra “criminale”? Non c’è ...

Italia in guerra: 100 milioni di euro al giorno in armi !

  • PDF


di Padre Alex Zanotelli.

La guerra imperversa ormai dall’Ucraina alla Somalia, dall’Iraq al Sud Sudan, dal Califfato Islamico (ISIS), al Califfato del Nord della Nigeria (Boko Haram), dalla Siria al Centrafrica, dalla Libia al Mali, dall’Afghanistan al Sudan, fino all’interminabile conflitto Israele – Palestina. Mi sembra di vedere il "cavallo rosso fuoco" dell’Apocalisse: ”A colui che lo cavalcava fu dato potere di togliere la pace della terra e di far sì che si sgozzassero a vicenda, e gli fu consegnata una grande spada”. (Ap.6,4) E’ la “grande spada” che è ritornata a governare la terra. Siamo ritornati alla Guerra Fredda tra la Russia e la NATO che vuole espandersi a Est, dall’Ucraina alla Georgia ...

Tra violenza e viltà

  • PDF


di Mao Valpiana, Movimento Nonviolento.


L'ultimo caso riguarda gli yazidi braccati e perseguitati in Iraq dai fanatici jihadisti dell'Isis. Ma se andiamo a ritroso nel tempo troviamo il genocidio degli armeni cancellati dall'impero ottomano, gli ebrei sterminati dai nazisti, gli abitanti di Sarajevo presi di mira dai cecchini serbi, il popolo di Srebrenica massacrato dalla pulizia etnica, i civili di Gaza bombardati dall'esercito di Israele ... e così mille altre volte è capitato alle minoranze di ogni parte del mondo di dover incarnare il ruolo di Abele ucciso dal fratello Caino ...

Crocifisso obbligatorio

  • PDF


di Gianfranco Monaca.


Le immagini del giornalista e del suo carnefice hanno emozionato tutti. Sono state considerate psicologicamente dannose e intollerabili dalla maggior parte dei reponsabili dei media e perciò sono rimaste sul network per poche ore, poi sono state oscurate, almeno per la parte più sconvolgente. Da circa duemila anni, invece, la spettacolarizzazione della morte cruenta per prolungata tortura di un innocente (con relativi carnefici di contorno) è stata considerata un “arredo sacro” e addirittura la sua ostentazione è stata resa obbligatoria per legge (in alcune società ierocratiche, compresa la nostra)  persino nelle scuole dell'infanzia oltre che nei locali pubblici ...

Pace, carote e patate: è possibile educare alla pace fra gli 0 e i 3 anni?

  • PDF


di Karen Sampò.


Nella lite per un gioco è giusto intervenire? Come fare per spiegare la condivisione a dei bimbi così piccoli? Nel caso di un bimbo di 1 anno e mezzo molto aggressivo e violento cosa è bene fare? Come riconciliarlo con la “vittima”? Come contenerlo? Oltre al desiderio e alla frustrazione cosa riconoscono i bambini nella fascia 0-3 anni? L’aggressività è una cosa innata o è appresa?  Qual è il ruolo delle educatrici? Quale quello dei genitori? È giusto che i bambini siano continuamente giudicati? ...

Ai profughi almeno uno sguardo amico

  • PDF


di Romano Terzano.


Sono in arrivo a Canelli dieci ragazzi profughi, che fuggono dalla loro terra portandosi nel cuore chissà quali per noi inimmaginabili orrori. I Padri Giuseppini li accoglieranno nei loro locali di via Cassinasco, la cooperativa «Crescereinsieme» con i suoi operatori specializzati e sensibili li custodirà 24 ore su 24, darà loro una formazione scolastica e professionale in collaborazione con le agenzie formative della zona. Le associazioni di volontariato che operano nel campo sportivo li inviteranno a disputare partite con i loro soci. Noi cittadini cosa potremmo fare ? ...

In ricordo di Padre Luigi

  • PDF


di Silvana Bellone.


In questi giorni è morto un sacerdote salesiano, viveva nella parrocchia del Don Bosco di Asti, ma il suo cuore era in Africa, in Congo, dove aveva trascorso tanti anni come missionario, tra gente povera e bisognosa. Di quegli anni gli rimanevano una essenzialità e una semplicità che lo distinguevano da tutti gli altri sacerdoti della sua parrocchia. Si chiamava Padre Luigi, io l'ho conosciuto al "centro giovani" (quando ancora esisteva !!!!), ad un incontro sulle guerre dimenticate ...