Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

In Italia le nuove bombe nucleari B61-12 PDF Stampa E-mail
Sabato 10 Ottobre 2015 21:14


di Giovanni Caprara.

Nonostante il numero di ordigni nucleari sia globalmente in diminuzione, le nazioni che le possiedono sono in fase di implementazione dell’arma finale. Di fatto l’ipotesi di un futuro denuclearizzato sembra essere utopico. La modernizzazione o il consolidamento delle armi atomiche è stato denunciato dalla Stockholm International Peace Research Institute (Sipri), che ha pubblicato un rapporto dove il numero di ordigni conservati negli arsenali mondiali è pari a 15.850 ...

Benchè siano diminuite di circa 500 unità, la loro letalità è aumentata in modo esponenziale e nuovi sistemi di lancio sono stati messi a punto dai principali possessori, la Russia e gli Stati Uniti. Altra protagonista è la Cina che ha in fase di sviluppo armi atomiche più potenti. In controtendenza sono l’India ed il Pakistan, le quali hanno aumentato la capacità di produrre materiale fissile, e la Sipri stima che le due nazioni potrebbero triplicare gli ordigni atomici già stoccati nei prossimi 15 anni. Anche Israele è parte dell’equazione con le 80 bombe atomiche conservate nei propri arsenali.

Oltre alle implicazioni regionali, l’aumento delle armi nucleari in Asia potrebbe variare gli assetti globali: per evitare questo scenario sarebbe auspicabile che la comunità internazionale convinca questi paesi ad aderire al Trattato di non proliferazione. L’instabilità dell’area del Vicino Oriente, la crisi Ucraina e l’Isis sono i maggiori responsabili del degrado delle relazioni internazionali, e l’implementazione delle armi atomiche ne è la diretta conseguenza.
L’attivazione delle Forze nucleari russe in occasione dell’annessione della Crimea, sono il sintomo dell’assoluta incapacità della diplomazia nello gestire le divergenze politiche, e le dimostrazioni di forza perpetrate tra Russia e Nato sono la conferma di una generale instabilità e diffidenza reciproca tra i maggiori attori internazionali.

Nello studio del Sipri vi è un altro aspetto tutt’altro che secondario: la Russia ha tagliato le sue riserve di 500 unità, mentre gli Stati Uniti hanno registrato una flessione decisamente inferiore, ma il ritmo con il quale vengono distrutte è rallentato palesemente. Il rapporto riserva un passaggio che sottolinea la riconversione dei sistemi a corto e medio raggio in Europa, e questo è stato motivo di acquisizione di 40 nuove testate da parte del governo russo. In un gioco a mantenere la stabilità nucleare, la Nato ha ufficialmente dichiarato che i propri arsenali nel Vecchio continente sono obsoleti ed a rischio, per cui necessitano pertanto di un upgrading.

In tutto questo è stata coinvolta anche l’Italia, soprattutto la base aerea di Aviano. Quest’ultima ospita il 31mo Stormo composto da due squadroni con capacità di trasporto e lancio di bombe atomiche, il 510mo “Buzzards” Fighter Squadron ed il 555mo “Triple Nickel”. Gli ordigni stivati ad Aviano dovrebbero essere attualmente 72, ma i lavori di ristrutturazione in atto potrebbero portare ad una riduzione, sino a conservarne un massimo di 35 stoccate in 12 bunker nel perimetro della base e lanciabili solo dagli F-16 statunitensi. Queste armi non saranno le vecchie B61, che potevano montare anche i Tornado, ma le più performanti B61-12. La U.S. Air Force e la Nnsa, National Nuclear Security Administration, hanno infatti messo a punto nel poligono di Tonopah in Nevada, l’ogiva nucleare B61-12, trasformandola da bomba a caduta libera, qual era la B61, in “intelligente”, che potrà essere sganciata a grande distanza dall’obiettivo. La B61-12 a guida di precisione, il cui costo è stimato tra gli 8 ed i 12 miliardi di dollari, si configura come un sistema d’arma polivalente, con una potenza media di 50 kiloton.

Il governo Renzi ha dunque concesso il permesso di ospitare l’ogiva nelle basi di Aviano e Ghedi, nel quadro di appartenenza alla Nato, ma in opposizione al Trattato di non-proliferazione, dove nell’articolo 2 è specificato che “Ciascuno degli Stati militarmente non-nucleari, si impegna a non ricevere da chicchessia armi nucleari od altri congegni nucleari esplosivi, né il controllo su tali armi e congegni esplosivi, direttamente o indirettamente”.
Tale decisione come un effetto domino, non tarderà a provocare le contromisure russe.

Tratto da: http://www.notiziegeopolitiche.net/?p=56909
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna