Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Il Solone del libro di Torino PDF Stampa E-mail
Sabato 24 Settembre 2016 19:57


di Claudio Canal.

Il Salone del Libro va lontano, va a Milano. E' una manna dal cielo, altro che una perdita. Fine del Saloon del Libro diventato la Grande Bruttezza.
Dopo la retorica, il clientelismo a man bassa, i costi insensati, il numero dei visitatori allegramente gonfiati, le sfilate di assessori e star di varia provenienza, l'impiego massiccio di lavoro precario e sottopagato, gli arresti e gli avvisi di garanzia, il Salone era già culturalmente morto e stramorto ...

In un paese dove i dati della decrescita infelice della lettura ISTAT scendono a precipizio, e, se non ci fossero le lettrici [48,6%] il baratro sarebbe a palmo di naso [lettori: 35,0%], forse varrebbe la pena di pensare la lettura come contagio, come infezione da trasmettere.

Preso dall'entusiasmo, io, il Santone del Libro, ho ripescato un mio personale manifesto contro i Festival Culturali italiani [tra cui il Salone del Libro] che ho messo in circolazione due anni fa e che ha avuto riscontro nientemeno che tra una dozzina di amici: Manifesto.
L'ho integrato, aggiornato e lo ripropongo qui.

Su come appropriarsi dell'intelligenza collettiva disponibile, madre di tutti i festival di cultura è stato il Premio Grinzane di Torino, allegramente finito nel dimenticatoio invece che sui manuali intitolati Come non fare cultura, qualsiasi cosa voglia dire questa parola tuttofare. GRINZANE.
L'idea matrice era e sono le famose ricadute della cultura, in immagine, in prestigio, in bella gente in passerella, in comparsate TV, in cene eleganti tra addetti, in soldi diretti e indotti. Di ricaduta in ricaduta, eccoci qua. I milanesi faranno una vera Fiera del Libro: paillettes e danè. E Torino?

La mia modesta proposta: tu Salone prendi gli scrittori e le scrittrici, quelli che sanno tenere la penna in mano e sono contenti di alloggiare in alberghi tre stelle, i poeti e le poete in rima e in stima, traduttori e traduttrici esperti di lingua italiana, editori incantati dai libri che pubblicano,
pensatori e pensatrici che sappiano cos'è il dolore del pensiero, testimoni del mondo e non di se stessi, narratori che non abbiano frequentato la scuola H, grafici e writers abili disegnatori dell'anima, blogger vivificatori e non molestatori di rete, giornalisti che si ricordino ancora com'è fatto un libro, librai e bibliotecarie dal delicato profumo di carta, ecc.

Prendili e mandali a intrattenersi discutendo con bambini e bambine delle quarte elementari, poi con le terze classi degli Istituti Professionali e con i loro insegnanti, e così via, classe dopo classe, scuola dopo scuola, finchè siano riusciti a contaminare istituti comprensivi, sede centrale e succursali, distretti, case circondariali, plessi, CPIA ex CTP, IFTS e ITS, CFP, statali e paritarie, in tutta la città e dintorni, con annessi genitori, zie, bidelli, tecnici, fornitori e addetti alle pulizie. Falli dialogare, meditare, bisticciare, godere, non per le effimere due ore degli “eventi”, ma per tre o quattro giorni di seguito con l'impegno di rivedersi l'anno successivo, soddisfatti o rimborsati.

Dopo questo primo tour accompagnali nei bar, preferibilmente quelli malfamati, nelle pizzerie di quartiere, nelle palestre, nei mercati e supermercati, dai kebabbari, nelle profumerie, estetiste, parrucchieri e farmacie, parrocchie, moschee e culti pentecostali. Aiutali, tu Salone, a portare i borsoni pieni di libri e di tablet con ebooks. I sopravvissuti portali nei giardinetti, ai pronto soccorso, alle poste e in qualche capannone ancora attivo a dire la loro sull'ultimo libro letto o scritto. Qualche musicante di contorno non guasterebbe. Documenta video/audio ogni fase, ogni incontro e diffondilo come un virus intestinale.

Tutto questo, caro Salone, costa un decimo, che dico? un centesimo di quello che si tira fuori per la nota kermesse al Lingotto, tradizionale e riformata.

Fai una indagine campione sulla lettura in città e dopo tre anni di questo salone diffuso e peregrino fanne un'altra, fai la riverenza e se i dati sono ancora negativi si corre ad alta velocità a Milano.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna