Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Pasta madre come stile di vita

  • PDF


di Alessandro Lauro.


La pasta madre come stile di vita. È questa l’idea rivoluzionaria che mi è venuta in mente frequentando per poche ore un contadino cinquantenne delle mia zona. Ma andiamo con ordine. Cosa c’entrano farina, acqua un po’ di miele o zucchero e dei sani batteri, con la nostra vita? Molto più di quanto possiamo immaginare ...

Liberiamoci dai confini dell'economia

  • PDF



di Andrea Saroldi.


I parchi degli ex Ospedali Psichiatrici si assomigliano un po’ tutti, viali alberati e file di casette, a Collegno come a Trieste; ma qui risiede un genio del luogo molto particolare: Marco Cavallo, il cavallo azzurro di legno e cartapesta, simbolo di liberazione dai confini. Nel 1973, quando il direttore del manicomio Franco Basaglia ha deciso di aprirne i cancelli, la città ha accolto con una festa i pazienti che uscivano per la prima volta da quel luogo di segregazione, seguendo in un corteo trionfale Marco Cavallo, loro compagno di animazione teatrale ...

Iris non vende, fa agricoltura bio

  • PDF


di Paolo Cacciari.


In una delle cascine in cui Bertolucci girò Novecento, a Calvatone, tra Mantova e Cremona, dal 1978 lavora una delle primissime cooperative agricole biologiche: Iris (fornitore del Gruppo di Acquisto Solidale di Asti, ndr). Da allora, quei giovani pionieri visionari, ispirati dall’ecologista libertario Murray Bookchin, di strada ne hanno fatta molta. Passo dopo passo, mettendo a punto pratiche di coltivazione tradizionali, recuperando sementi antiche, moltiplicando le varietà di cereali, legumi e ortaggi, allargando i contatti e le collaborazioni con altri contadini, sono oggi diventati un marchio affermato e ricercato dai Gruppi di acquisto solidale e dalle botteghe del biologico di tutta Italia ...

Uno studio conferma: la farina integrale allunga la vita

  • PDF


Quante volte ci siamo imbattuti in articoli del web o di giornale che invitano a limitare o, addirittura, ad eliminare il consumo della farina bianca a favore di quella integrale? Come molti di noi sapranno già, la farina bianca è il frutto di un processo di raffinazione che prevede l'eliminazione della parte più esterna del chicco di grano, la crusca (ricca in fibra e vitamine del gruppo B) e della parte più interna, il germe (particolarmente ricco di oli polinsaturi, vitamine e minerali). Questo lavoro di trasformazione ha l'obiettivo di realizzare un prodotto finale dotato di migliori proprietà di conservazione e lavorabilità. Purtroppo, durante la raffinazione, gran parte dei micronutrienti del grano vengono persi e la farina che se ne ottiene, così tanto prediletta dai consumatori, si presenterà come una polvere bianca molto fine contenente quasi completamente amido ...

La "Carta di Milano": sotto le parole ... nulla

  • PDF



Ora tutto il dibattito su questa Expo rischia di dover ruotare attorno ad un'unica fotografia: da un lato migliaia di persone entusiaste tra gli stand della grande Esposizione, dall'altra le auto bruciate e la città sfregiata. Ma non è così. Restano tutte le ragioni della critica ad Expo. Restano le tante persone che al di là dell'adesione alle manifestazioni continuano a pensare che occorre insistere nella critica e continuare ad avanzare proposte alternative su contenuti precisi ...

Ecco com’è nato Passamano, il primo negozio senza soldi

  • PDF



di Elena Risi.


La società del consumo ci ha abituato a buttare via un oggetto quando si rompe o si rovina. Ma cosa succede quando qualcuno decide di invertire la rotta cominciando, invece, a riparare e riciclare? La storia di oggi prova a darci una risposta attraverso l’esperienza di Alessandro Borzaga, fondatore e gestore del primissimo negozio in cui i soldi non si usano: si chiama Passamano e si trova nella città di Bolzano ...

I cambiamenti di stile di vita non metteranno fine al capitalismo

  • PDF


di Michey Z, World News Trust.


Il Comitato consultivo federale per le linee guide in materia di dieta, per la prima volta, ha raccomandato di evitare carne e latticini i quali, secondo quanto riportato dal Wall Street Otc, “sono considerati la causa principale di malattie e obesità in America”. Il rapporto preliminare prosegue affermando che “una dieta ricca di cibi vegetali e che contiene pochi alimenti di origine animale è più salutare per l'organismo e fa bene anche all'ambiente” ...

Expocrisia 2015. Nutriamo il profitto

  • PDF


di Francesco Gesualdi.


“Nutrire il pianeta” recita lo slogan di Expo 2015 e la mente corre subito al miliardo di affamati che affollano il mondo. Ma di affamati all’Expo non ce ne sarà neanche uno, perché del loro destino in realtà non importa niente a nessuno. Siamo solo di fronte all’ennesimo caso di ipocrisia, all’ennesimo caso di strumentalizzazione da parte dei potenti che usano le emergenze umanitarie per dare una connotazione buonista ai loro progetti di tutt’altro stampo. Basta scorrere la lista degli sponsor per rendersene conto ...

Nutrire il pianeta

  • PDF


di Roberto Meregalli, Beati i costrutori di pace.


Come ci ricordano i sempre più frequenti spot pubblicitari, manca davvero poco all’inizio ufficiale dell’Expo. Sarà una grande fiera certo! Ma qui non faremo critiche o commenti alla manifestazione, ci concentreremo sul tema: “nutrire il pianeta, energia per la vita”.
Aldilà del cibo, del gusto, del valore culturale di ciò che mangiamo nel piatto, c’è il pianeta che “ci ospita”, che fornisce tutto quello che ci alimenta, che ci scalda, che ci fa muovere ...

Transizioni

  • PDF


A cura di Luca Colombo.


Secondo la FAO, nel 2015 si rendono disponibili 2.940 calorie al giorno pro-capite e saranno 3.050 nel 2030, più di una volta e mezzo il necessario, rispetto alle 1.800-2.100 calorie giornaliere richieste dal nostro metabolismo a seconda di età, attività, latitudine. La produzione agricola, pastorale, ittica è dunque in grado di sfamare una popolazione mondiale pari ad almeno 10 miliardi di persone, ben superiore agli attuali 7 e anche al picco demografico di 9,5 previsto per il 2050. Non è dunque quanto produciamo il problema, ma come lo facciamo e che utilizzo ne facciamo ...

Slow Food a Expo 2015

  • PDF


Dal 1851 l’Esposizione Universale è il palcoscenico dei traguardi più ambiziosi dell’uomo, un momento per condividere innovazione, avanzamenti tecnologici, scoperte. Da allora, ogni cinque anni è l’occasione per riunire i cittadini di tutto il mondo intorno a temi di grande attualità e interesse universale. Nessun altro tema, dalla prospettiva di Slow Food, è più attuale di quello scelto per l’edizione 2015: Nutrire il pianeta. Nessun’altra sfida è più importante che assicurare il giusto nutrimento all’uomo e alla Terra ...

Expo 2015: l'inaccettabile kermesse dell'insostenibilità

  • PDF



Aldilà della retorica istituzionale, Expo 2015 rappresenta la più chiara manifestazione di un modello di sviluppo insostenibile. Nonostante l’obiettivo di voler nutrire il pianeta, la filosofia che ha ispirato e ha dato gambe a tutta la kermesse riprende e rilancia un sistema agroalimentare incapace di rispondere alle esigenze di sovranità alimentare, di equo accesso ad un’alimentazione di qualità, di sostenibilità ambientale davanti alle grandi crisi ecologiche del nostro tempo ...

McDonald's ad Expo: come nominare Erode testimonial di Unicef

  • PDF


di Vittorio Agnoletto e Emilio Molinari.


Dopo Nestlè, acqua ufficiale di Expo, dopo Coca Cola partner soft drink di Expo, ora sbarca alla “fiera del cibo” il simbolo stesso della cattiva alimentazione globalizzata, ovvero: McDonald’s. Sarà presente con un ristorante da 300 posti. Il più grande ristorante di Expo, e con il progetto «Fattore futuro» a sostegno della filiera italiana ...

Il signore dei lombrichi

  • PDF


di Elisabetta Pau*.


Maurizio Camba è una persona speciale, lo si capisce subito dal sorriso bello e sincero, un sorriso che conquista. È il signore dei lombrichi, li regala dal ’96 perchè, dice, “mi piace dare il mio contributo sociale. Non voglio soldi ma chiedo alle persone a cui li regalo di diffondere questa cosa che faccio, è una questione culturale”. Poi, sorridendo, aggiunge: ”E’ una cosa tra vermi … loro smaltiscono una gran quantità di rifiuti e io i rifiuti li combatto così“ ...

La grande sfida

  • PDF


di Andrea Saroldi.


Ora che i principi dell'economia del noi si sono affermati nell'immaginario è iniziata la grande sfida: l'assimilazione capitalista cerca di rivoltare le pratiche solidali orientando i flussi economici a vantaggio di pochi; come reagiremo? ...

Altri articoli...