Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Boicottaggio in Bolivia: McDonald's chiude i battenti

  • PDF

ImageViene dal Sudamerica la notizia che fa tremare le gambe al colosso del fast food: in Bolivia, dopo 14 anni, McDonald's chiude. Chiude a causa della scarsissima affluenza degli ultimi tempi, tanto che anche gli otto ristoranti aperti nelle grandi città di La Paz, Cochabamba e Santa Cruz hanno dovuto serrare i battenti. A nulla sono servite le massive campagne pubblicitarie che la multinazionale aveva lanciato contro il rifiuto da parte del popolo boliviano ad acquistare ancora prodotti alimentari nocivi per la salute e per la società. Tante sono le accuse rivolte alla famosa multinazionale …

Gli antichi mais piemontesi

  • PDF

ImageAnche in Piemonte si sviluppano iniziative per rilanciare la coltivazione di antiche varietà di mais e la contemporanea promozione del suo consumo. Da qualche mese anche un preciso disciplinare è stato messo a punto per fare chiarezza su varietà, metodi di produzioni, caratteristiche ...

Cambiamo il mondo con le nostre azioni quotidiane

  • PDF

Imagedi Giuseppe Altieri, Agroecologo.

Partendo dall'Agricoltura Bio, "logica" e naturale, e dalla nostra alimentazione (a prevalenza assoluta vegetariana), dal rifiuto dei rifiuti (eliminazione della plastica dalla nostra vita, al massimo possibile) e del petrolio, con trasporti ecologici e costruzioni in bioedilizia dotate di impianti per energie rinnovabili, risistemando il territorio attraverso la bonifica idrica integrale, autogestita dai consorzi di agricoltori (se lo Stato non interviene), rifiutando pesticidi e diserbanti che distruggono l'humus della terra che si sfalda sotto le piogge "sottraendo futuro" ai nostri figli... ovvero la sua fertilità... e la nostra, quest'ultima minacciata dagli effetti xenobiotici delle molecole chimiche che ci stanno sterilizzando in massa. E così via, tenendo sotto il braccio il manuale personale di idee per la "crescita" felice ...

Kamut: un mito da sfatare

  • PDF

Imagedi Massimo Angelini, Coltivatore d'idee nell'orto dove la vita di tutti i giorni s'incontra con la metafisica, storico della cultura, ruralista e fabbricante di lunari (tratto da http://www.donnagnora.it/DonnanoniGnora.aspx).

Ha buone proprietà nutrizionali ed è eccellente per la pastificazione, ma non è stato “risvegliato” da una tomba egizia e non è adatto ai celiaci. Inoltre viene coltivato e venduto in regime di monopolio, ha un costo eccessivo, e una pesante impronta ecologica. Luci ed ombre del Kamut – o meglio, del Khorasan: un tipo di frumento che tra l’altro abbiamo anche in Italia ...

L'Italia si scopre in crisi: da Tremonti a Monti (due Monti in meno ?)

  • PDF

ImageScusate il gioco di parole, avete perfettamente ragione: non è il momento di essere allegri. E neppure è il momento di considerare l'era del neo governo tecnico come la più autentica delle salvezze della nostra economia. Lo diciamo perchè "i banchieri" prestati al governo d'emergenza sono gli stessi che (da "banchieri") hanno sempre coniugato l'idea di "CrescitaeSviluppo" con nuove grandi infrastrutture, finanziate proprio dal credito bancario. A cui, forse, oggi sarebbe utile opporre una buona campagna di pressione. Ad esempio nei confronti di Intesa Sanpaolo che, attraverso la controllata BIIS-Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo, è la più attiva finanziatrice di nuove autostrade. Ben sapendo che un Paese "con due Monti in meno", per risollevarsi, non potrà che svendere i suoi gioielli migliori (terreni certamente, ma forse anche monti, appunto) ...

Accesso alla terra: una proposta concreta

  • PDF

ImageA cura di Campiaperti, Bologna, Associazione di contadini e coproduttori per la sovranità alimentare.

All'interno di Campiaperti è nato un gruppo di lavoro sull'accesso alla terra che attraverso la rete nazionale di "Genuino Clandestino" si è collegato ad altre persone e realtà che in tutta Italia condividono questioni pratiche e una visione comune. La vendita diretta, l'autogestione dei rapporti economici e le nuove relazioni solidali che si possono instaurare tra produttori e co-produttori costituiscono un'alternativa praticabile per i contadini e sempre più richiesta dai cittadini che desiderano un cibo sano, prodotto senza ingiustizie verso i lavoratori e verso la terra. Mentre la domanda cresce e, nella nostra esperienza, anche il numero delle persone che aspirano a diventare contadini, le difficoltà di carattere economico e burocratico rappresentano i maggiori ostacoli, ancora più dell'incertezza di generare un reddito dignitoso ...

La Casa del Popolo in odore di chiusura forzata

  • PDF

In seguito alle rilevazioni acustiche effettuate dall'Arpa in data 24 settembre 2011, l'associazione A Sinistra e la Casa del Popolo di Asti sono state pesantemente multate per aver sforato i limiti acustici imposti.

Come se questo non fosse sufficiente, il Comune di Asti - con un'ordinanza - ha imposto che TUTTE LE ATTIVITÀ, COMPRESA LA SOMMINISTRAZIONE cessino entro le ore 22,00.

Anche Asti prepara il suo mapping party ...

  • PDF

ImageSabato 15 Ottobre si terrà ad Asti un “mapping party”, un evento legato a OpenStreetMap, un progetto che crea e fornisce dati cartografici, come ad esempio mappe stradali, libere e gratuite, a chiunque ne abbia bisogno. Il progetto è stato avviato perché la maggior parte delle mappe che si credono liberamente utilizzabili, hanno invece restrizioni legali o tecniche al loro utilizzo e ciò ne impedisce l'uso per scopi produttivi, creativi o inattesi. OpenStreetMap è simile a Wikipedia, il fine è quello di creare dati geografici invece di un'enciclopedia ...

Il Mercato ha bisogno di molta terra

  • PDF

ImageGorka Larrabeiti (Rebelion) intervista Stefano Liberti, autore del libro "Land grabbing. Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo".

Il land grabbing si compone a mosaico: un puzzle che passa dall’Etiopia, El Dorado degli investitori, all’Arabia Saudita, dove gli sceicchi del Golfo intervengono nelle aste per abbassare il prezzo della terra africana. Entra nei palazzi istituzionali di Roma (FAO) e vede la giocoleria dialettica che giustifica queste politiche, ode il suono dei movimenti contadini resistenti; vola fino a Chicago Board of Trade, la Borsa mondiale che fissa il prezzo del cibo, si perde nei campi di grano dell'Iowa, fino al Brasile, regno dell’agroalimentare, e torna in Tanzania frontiera dei biocarburanti ...

I mesi del Giallo

  • PDF

Questo è il programma dell’edizione 2011 della manifestazione ideata dall’Associazione culturale Comunica “I mesi del Giallo”:

Un Fondo per la Terra

  • PDF

ImageLa Finanza Etica in cerca di nuovi talenti: al via un bando per la creazione di uno strumento finanziario per sostenere il diritto all’accesso alla terra.

Creare uno strumento finanziario dedicato alla raccolta di denaro per l’acquisto di terreni da affidare ad agricoltori, singoli o organizzati, che intendano inequivocabilmente e durevolmente produrre cibo, in modo sano (agricoltura biologica) e connesso con il sistema di consumo vicinale, mantenendo la proprietà indivisa e vincolata nel tempo all’uso spiccatamente agricolo. E’ questa la sfida lanciata dalla Fondazione di Banca Etica in collaborazione con Aiab, Banca Popolare Etica, Mag 2, Sefea e SCRET, per dare una risposta anche economica al problema del controllo della produzione di cibo all'interno dei processi epocali che stiamo vivendo.

Quello che rovina il pianeta è il superfluo

  • PDF

ImageTratto da: http://www.adnkronos.com.

''Superdotati ma stupidi. Così probabilmente gli extraterrestri definirebbero gli uomini, se decidessero di studiarli. Piuttosto che approfittare della felicità condivisa, l'uomo preferisce l'angoscia condivisa e la violenza. Alle nostre doti manca luce. E la luce manca al mondo che è nell'oscurità''. Non usa mezzi termini Pierre Rabhi, uno dei pionieri dell'agricoltura biologica in Francia, quando fotografa lo stato attuale della nostra società. Una società ''dell'eccesso'' che deve ''imparare a porsi dei limiti'' e ''a non saccheggiare indefinitamente il pianeta'' che è limitato ...

L'agricoltura biologica mette radici ad Asti

  • PDF

ImageDa Mercoledì 14 Settembre verrà attivato ad Asti uno "sportello" dedicato alla consulenza ed informazione sui temi dell'agricoltura biologica. Il servizio – gratuito - sarà curato da Agri.Bio.Piemonte, prima associazione di produttori biologici e biodinamici piemontese per numero di soci produttori e per attività sul territorio e intende, sin dall'avvio, porsi l'ambizioso obiettivo di rivolgersi contemporaneamente al sostegno delle attività degli agricoltori biologici astigiani e nel frattempo di stimolare l'attenzione dei molti agricoltori "convenzionali" sulle pratiche colturali sostenibili ed esenti dall'utilizzo di pesticidi e prodotti chimici, per possibili loro progetti di conversione ...

Anche in Italia la clausola di salvaguardia contro gli OGM

  • PDF

Anche l'Italia ha deciso di attivare la cosiddetta "clausola di salvaguardia" sugli OGM. In linea con una parte consistente di Stati membri, il Ministero delle Politiche Agricole ha sottoposto al  Ministero delle Politiche Comunitarie la richiesta di avviare la  procedura per l'attivazione della clausola di salvaguardia sul mais OGM MON 810, dando attuazione alla direttiva europea che riconosce agli Stati membri il diritto di decidere  se limitare o vietare la coltivazione di organismi geneticamente modificati sul proprio territorio, anche se autorizzati a livello comunitario, per motivi di opportunità ambientale o sanitaria.

Produciamoci da soli la nostra energia ...

  • PDF

ImageProprio lo scorso anno, di questi tempi, vi avevamo segnalato l’avvio della prima esperienza di GAF (Gruppo di Acquisto Fotovoltaico) nell’astigiano, a San Damiano. In queste settimane, invece, grazie alla proposta della cooperativa Retenergie e dell’Associazione Dendros di Canelli, i GAF stanno moltiplicandosi e con essi la possibilità di usare il calore solare, il proprio tetto di casa e le tecnologie fotovoltaiche per la produzione “casalinga” di energia pulita, a prezzi concorrenziali e favorendo piccoli – ma significativi - risultati economici distribuiti tra tanti soggetti (anziché rendere “più ricchi i già ricchi”) …

Altri articoli...