Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Il signore dei lombrichi PDF Stampa E-mail
Domenica 15 Marzo 2015 23:24


di Elisabetta Pau*.


Maurizio Camba è una persona speciale, lo si capisce subito dal sorriso bello e sincero, un sorriso che conquista. È il signore dei lombrichi, li regala dal ’96 perchè, dice, “mi piace dare il mio contributo sociale. Non voglio soldi ma chiedo alle persone a cui li regalo di diffondere questa cosa che faccio, è una questione culturale”. Poi, sorridendo, aggiunge: ”E’ una cosa tra vermi … loro smaltiscono una gran quantità di rifiuti e io i rifiuti li combatto così“ ...

I lombrichi stanno dentro un contenitore alto, di plastica, nascosti in mezzo alla terra. Si possono prendere ogni giovedi al Piazzale Trento, a Cagliari, dove c è la sede del Presidio. Maurizio però lo si trova anche durante alcune manifestazioni, fiere o sit-in di protesta. I passanti si fermano incuriositi a leggere il cartello con scritto “LOMBRICHI LIBERI” e lui spiega che si tratta di una specie di lombrico del tipo sociale, cioè quello adatto alle compostiere, diverso da quello terricolo che è invece eremita. Alcuni decidono di prenderne un po’, altri vogliono solo vedere i lombrichi perchè non li conoscono. In effetti, stanno sempre nascosti e al lavoro, visto che in tre mesi trasformano i rifiuti organici in terriccio.

Oltre a distribuire i lombrichi, a Maurizio piace fare due chiacchiere e dare qualche consiglio: “Se non hai la compostiera, bastano due vasi: uno per i rifiuti e un altro, sopra, con i lombrichi. Loro fanno tutto da soli, migrano e vanno giù; oppure bastano due cassette, peró bisogna lasciare una via di fuga altrimenti muoiono per sovrannumero perché si moltiplicano velocemente”.
Ha un corpo esile, Maurizio. Non si capisce come ci possa star dentro un cuore così grande: non accetta denaro né offerte. Se proprio qualcuno insiste, risponde che possono dare qualcosa al Presidio Piazzale Trento: un gruppo di persone (tra le quali lui), che si occupa della difesa dei diritti fondamentali dei cittadini. “Possono servire per pagare la corrente”, precisa.

Una sera sono stata insieme a lui mentre distribuiva i lombrichi. Ho imparato un sacco di cose, sui lombrichi, sui rifiuti, su di lui.

Riflettendo, poi, ho capito che ci stiamo disabituando alla generosità, al fatto che si possano fare delle azioni per pura convinzione, senza ricevere compensi. L’ho capito anche guardando la faccia incredula, un po’ dispiaciuta e perfino delusa delle persone a cui spiega che lui i lombrichi li dà via gratis. Siamo abituati a pagare sempre quello che ci occorre, certe volte anche molto caro. Per questo Maurizio sorprende e disarma tanto. Alcuni tentennano, altri insistono ma poi tutti vanno via contenti, con una bustina di lombrichi in mano e le parole e la faccia di Maurizio ben stampate nella mente.

* Elisabetta vive in campagna, nel campidano (Sardegna). Coltiva un orto che ospita diversi amici e amiche a quattro zampe, ama i mandorli in fiore e mettere in comune la sua casa per un pranzo con chi sa condividere.

Tratto da: http://comune-info.net/2015/02/signore-dei-lombrichi/
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna