Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Il Senato approva il DDL Madia: nuovo attacco ai referendum sull'acqua e i servizi pubblici PDF Stampa E-mail
Domenica 03 Maggio 2015 21:15


A cura del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua.


Il 30 aprile il Senato ha approvato il disegno di legge delega Madia sulla pubblica amministrazione.
Nei mesi scorsi più volte abbiamo denunciato come dietro questo provvedimento si celi un nuovo attacco all'esito referendario consegnando di fatto una delega in bianco al Governo con precise indicazioni volte al rilancio della privatizzazione dell'acqua e dei servizi pubblici locali ...

Infatti, le norme inserite negli articoli 13 e 14 puntano a limitare drasticamente la possibilità di gestione pubblica, incentivano i processi di aggregazione tra aziende intorno ai quattro colossi multiutilities attuali - A2A, Iren, Hera e Acea - già collocati in Borsa, oltre a favorire la perdita del controllo pubblico dei soggetti gestori. Il processo tramite il quale s'intende raggiungere la discesa della partecipazione pubblica in Hera dal 51 % al 38 % ne è la concreta e drammatica conferma. Processo contro cui è in atto una forte mobilitazione dei comitati per l'acqua dell'Emilia Romagna.

Appare evidente, dunque, come tutto ciò sia in esplicita contraddizione con la volontà popolare espressa nei referendum. Un vulnus democratico che l'attuale Governo sta approfondendo sempre di più.

Come movimento per l'acqua dichiariamo da subito che nel passaggio alla Camera rilanceremo la mobilitazione affinchè il testo venga modificato e ci teniamo a sottolineare che un'altra strada è praticabile, come dimostra l'esperienza di Napoli in cui il servizio idrico è stato ripubblicizzato e quella di Reggio Emilia dove è in dirittura di arrivo un percorso anch'esso volto ad una gestione pubblica.

Richiediamo, inoltre, con forza l'approvazione della legge d'iniziativa popolare "Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico" che rimane indiscussa in Parlamento dal 2007 e depositata nuovamente a marzo 2013 dall'intergruppo parlamentare.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna