Una piccola carovana in marcia per la pace

Il prossimo 25 aprile partirà da diverse città d’Italia (Asti, Busto Arsizio, Bari, Padova, Parma, Ravenna) una piccola carovana di donne e uomini pacifici, che porteranno a Guernica, nei Paesi Baschi, una testimonianza di pace.
Il 26 aprile, infatti, ricorrerà l’ottantesimo anniversario del bombardamento che, nel 1937, ad opera di squadriglie di aviazione tedesche e italiane, ingaggiate da Francisco Franco, provocò centinaia di morti e feriti, segnando l’inizio di una strategia bellica drammaticamente inedita. Si “sperimentò” in quei giorni l’attacco diretto su obiettivi civili, che da allora divenne orrenda prassi delle azioni militari, in evidenza sotto i nostri occhi anche in questi giorni con le notizie e le immagini che ci arrivano dalla Siria.

La Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ ha avviato la marcia della Carovana dei Pacifici a partire dal 2 marzo 2015, quando Roberto Papetti, mastro giocattolaio di Ravenna, la propose per la prima volta come laboratorio in occasione del primo anniversario della scomparsa del maestro Mario Lodi.
Da allora oltre ottomila bambini e bambine di moltissime scuole italiane hanno lavorato sull’idea di conflitto e sulle possibili modalità nonviolente di superamento dello stesso, disseminando in ogni dove piccole e grandi sagome di Pacifici e pensieri di bambini e bambine e ragazze e ragazzi sulla pace. La testimonianza che verrà portata dalla dozzina di donne e uomini pacifici nei giorni della memoria del bombardamento di Guernica comprenderà un messaggio di fratellanza per il popolo basco e un laboratorio tenuto dallo stesso Roberto Papetti che si terrà ad Astra, ex-fabbrica d’armi riconvertita in centro sociale e culturale della città.
Nell’occasione di questo viaggio, in un momento così delicato per la pace a livello planetario, la Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ ha proposto a scuole, biblioteche, gruppi formali e informali di mettere in calendario da qui al prossimo mese di giugno un momento di riflessione e azione pubblica per le ragioni della pace e della nonviolenza.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca nel sito

I vostri commenti

  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    Paola 20.07.2017 05:25
    Che bello! Sono sempre più convinta che, come dici tu, il tempo dedicato a creare situazioni di ...

    Leggi tutto...

     
  • Lo sbilancio delle Province e delle Città Metropolitane

    giovanni pensabene 19.07.2017 12:27
    Erano così convinti che il popolo avrebbe osannato la loro schiforma costituzionale che il comma ...

    Leggi tutto...

     
  • Chiusa la vicenda Teleriscaldamento, si apre quella per l'Oasi dell'Immacolata

    M.G. 14.07.2017 07:04
    Ma il Piano Territoriale della Regione Piemonte non dice che PRIMA occorre riutilizzare le strutture ...

    Leggi tutto...

     
  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    M.G. 14.07.2017 06:59
    Bravissimi ! E' dall'infanzia che si deve imparare a condividere con gli altri e non a competere ...

    Leggi tutto...

     
  • Se i mezzi pubblici fossero gratis

    Pieranna Borio 25.05.2017 14:12
    Io aggiungerei un terzo motivo di insuccesso dei primi esperimenti, un errore di metodo: la gratuità ...

    Leggi tutto...

     
  • Confrontiamo i candidati a Sindaco sui temi ambientali

    Pierpaolo De Fina 18.05.2017 07:58
    Se tutte le risposte sono in linea con quelle date per il teleriscaldamento possiamo vedere in ...

    Leggi tutto...

 

Newsletter

Eventi ad Asti e Provincia

Eventi Cuneo, Langhe, Roero

Salviamo il paesaggio
Stop Consumo di suolo
Forum Acqua
Il gasti
Centro San Secondo
Progetto Radis
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino