Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Città in (lenta) trasformazione

Ferrovia Alba-Asti: il Governo risponde al Question Time

  • PDF


La scorsa settimana il Governo, nella persona del Sottosegretario delegato Umberto Del Basso De Caro, ha provveduto a rispondere al "question time" sul tema della tratta ferroviaria sospesa Asti-Alba in risposta alla risoluzione presentata dall'onorevole astigiano Paolo Romano (Movimento 5 Stelle) che chiedeva quali iniziative il Governo intendesse intraprendere per sostenere la regione Piemonte nell’immediata riattivazione della linea e delle altre insistenti nel perimetro dei Paesaggi vitivinicoli del Piemonte delle Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio mondiale Unesco.
La posizione odierna del Governo risulta da interpretare ma fa comprendere come sia fattibile un suo impegno per richiedere a RFI di predisporre un piano aggiornato di interventi per la rimessa in servizio della linea, qualora richiesta da parte degli enti preposti ...

Storie di motorini, di raduni e di ambienti da tutelare

  • PDF


di Alessandro Mortarino.

E' stata una settimana parecchio rovente per il nord astigiano, ma non per le condizioni climatiche o per la febbre da tifo calcistico, quanto per l'annuncio di una manifestazione motoristica di rilevanza regionale prevista per sabato e domenica 2/3 luglio tra Pino d’Asti, Passerano Marmorito, Castelnuovo Don Bosco, Montafia e Piovà Massaia. Si tratta di "Monferraglia", un raduno di ciclomotori monomarcia (come il tipico "Ciao", per intenderci) pensato per un percorso non solo su strade asfaltate ma anche su sterrate, sentieri di campagna e carrarecce attraversanti aree boscate, con molte centinaia di iscritti. Una manifestazione passata "sotto traccia" fino a pochi giorni prima del suo svolgimento, che ha quindi destato la reazione del mondo ambientalista, che ha chiesto "ragioni" alle amministrazioni locali. E che, all'ultimo minuto, è stata revocata dalla Questura di Asti e, dunque, annullata ...

Teleriscaldamento: lettera alla Direzione Generale dell'Asl di Asti

  • PDF


Oltre 4 mila cittadini supportati da associazioni e movimenti astigiani hanno inviato poche ore fa alla dottoressa Ida Grossi, direttore generale dell'Asl di Asti, una lettera per fare il punto della situazione sul progetto per la costruzione di un grande ed inquinante impianto industriale privato per la produzione di energia elettrica ed acqua calda per teleriscaldamento proprio all'interno dell'ospedale Cardinal Massaia ...

Una importante novità nelle decisioni sul verde stradale

  • PDF


Il Consiglio provinciale di Asti ha approvato una delibera su “Linee di indirizzo per la gestione innovativa della componente vegetativa lungo la rete stradale provinciale" e una successiva Determina dirigenziale per la costituzione dell'elenco di professionisti per l’“affidamento di incarichi e/o prestazioni correlati alla gestione innvovativa della componente vegetativa lungo la rete stradale provinciale". Si tratta di un risultato operativo che giunge dopo un anno di proficua attività del tavolo tecnico costituito dalla Provincia di Asti sul dissesto idrogeologico, a cui ha partecipato l'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori forestali della Provincia di Asti insieme ai rappresentanti di altri Ordini e Collegi professionali astigiani più direttamente interessati ...

La Provincia di Asti decide di non decidere sul teleriscaldamento

  • PDF


di Alessandro Mortarino.

E' del 7 giugno l'ultima novità formalmente espressa dalla Provincia di Asti, chiamata da settimane a rilasciare o negare l'autorizzazione all'impianto di teleriscaldamento all'interno dell'ospedale di Asti: «Per le aree interessate dalla realizzazione dell’impianto in questione, la legittimazione attiva al rilascio del titolo edificatorio in capo ad AEC S.p.A. è a tutt’oggi non sussistente e, di conseguenza, il procedimento unico – al netto delle valutazioni ambientali non ostative emerse in conferenza di servizi – non può essere concluso favorevolmente» ...

La "scuola alimentare": zero spreco in mensa

  • PDF


A cura dei Bimbisvegli di 4C della scuola elementare Rio Crosio di Asti e dei loro maestri Lina e Giampiero.

Oggi è un giorno speciale! La nostra classe 4C ha organizzato una conferenza stampa, abbiamo invitato nella nostra aula molti giornalisti e amministratori del sevizio mense e rappresentanti del consiglio comunale. Sono venuti nella nostra classe e noi bambini, con i nostri maestri Lina e Giampiero abbiamo parlato di un grande ploblema su cui stiamo lavorando da 4 anni, prendendo spunto dal lavoro iniziato dai Bimbisvegli grandi del ciclo prima di noi: lo spreco alimentare nella mensa della nostra scuola.
Nei mesi scorsi abbiamo registrato tutti i consumi della nostra classe, impegnandoci a non sprecare cibo, (mettendo nel piatto solo la quantità che effettivamente pensavamo di consumare) e abbiamo chiesto alle altre classi della scuola primaria Rio Crosio di collaborare: hanno accettato di partecipare soltanto le classi 1C, 3B, 4D con le loro insegnanti, oltre alla nostra classe 4C ...

Tassa rinnovo e rilascio permessi soggiorno: vittoria per la Cgil

  • PDF


Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio con una sentenza depositata il 14 maggio 2016, ha accolto il ricorso presentato dall'INCA e dalla CGIL contro la tassa in vigore sul rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno.
La CGIL e L'INCA avevano chiesto al Tar l'annullamento del decreto del 6 ottobre 2011 che aveva istituito questa sovrattassa, in quanto iniqua e sproporzionata.
Si era arrivati fino alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea.
Il 2 settembre 2015 la Corte Europea dice che il contributo è sproporzionato e non motivato da spese che lo Stato Italiano debba sostenere nonché discriminatorio, perché nettamente superiore a quanto richiesto ai cittadini italiani per il rinnovo della carta d’identità ...

Ulteriore rinvio della conclusione per il cosiddetto teleriscaldamento ad Asti

  • PDF


di Paolo Montrucchio.

Il 29 aprile scorso il Servizio ambiente della Provincia di Asti aveva ultimato la riunione conclusiva della Conferenza dei servizi con una formale comunicazione dei motivi ostativi all'autorizzazione. Sembrava ormai tutto finito, tutto fatto, restava solo l'attesa di pochi giorni per l'atto finale del diniego formale, ma così non è stato.
AEC ha affidato la pratica in mano ad un noto studio legale di Torino, il quale ha contestato tutto e chiesto di avviare una complessa procedura, finalizzata ad un accordo comune fra tutte le parti in causa, Provincia, Comune di Asti ed ASL AT. Sorgono però dei seri dubbi sul fatto che sia ammissibile tale accordo, in presenza di una situazione di conflitto di interessi fra alcune delle parti in causa ...

Le stazioni d'avvicinamento dimenticate

  • PDF


Considerazioni di Guido Bonino, architetto e alpino, prima della grande adunata.

Mentre l'ASP pubblicizza i bus gratuiti nei giorni 13 e 14 maggio per l'Adunata degli alpini, nulla si pubblicizza da parte di Trenitalia. Non mi riferisco a treni speciali e quant'altro traghetti le Penne nere da est ad ovest dell'Italia, come dal centro-sud ad Asti, ma a quelle tratte che – in quanto parte di percorsi denominati metropolitani – potrebbero essere utilizzate sia per la loro disponibilità di parcheggi scarsamente utilizzati nei fine settimana, sia in quanto da sempre deputate a raggiungere il concentrico del capoluogo ...

Teleriscaldamento: siamo oltre ogni previsione !

  • PDF


di Alessandro Mortarino.

La infinita vicenda del teleriscaldamento di Asti non è più solo una via di mezzo fra Kafka e Beckett ma è già fantascienza, horror, commedia all'italiana. Ricorderete che il 29 aprile la Conferenza dei Servizi, per bocca della Provincia di Asti, aveva indicato 4 motivi ostativi all'autorizzazione ma concesso ancora 10 inspiegabili giorni ad AEC per formulare eventuali controdeduzioni e così replicare, senza la possibilità di presentazione di nuovi documenti ma solo di elementi "accessori" in grado di integrare quanto già formalmente espresso dal progetto ...

Il verde che guarisce

  • PDF


Che il verde abbia effetti positivi sulla salute e sull’umore dell’uomo è un fatto ormai comprovato. Gli Stati Uniti hanno trascorso decenni nel condurre studi per capire quanto significativamente la natura riesca ad influenzare il corpo e la mente, tanto da aiutare nei processi di guarigione. I risultati? A dir poco sorprendenti: è stato accertato che, a parità di altri fattori, i pazienti che durante la loro degenza possono godere di una camera affacciata su un giardino o su un parco guariscono più in fretta, assumono una quantità inferiore di antidolorifici e presentano meno complicazioni rispetto a chi, invece, passa la sua convalescenza in una camera orientata verso un muro di mattoni ...

Teleriscaldamento: la Provincia di Asti non lo autorizza

  • PDF


A cura di Cittadinanzattiva, Legambiente, Osservatorio del Paesaggio, Salviamo il Paesaggio, Stop al Consumo di Territorio, Tempi di Fraternità, Tribunale per i Diritti del Malato, Paolo Montrucchio e oltre 3300 Cittadini.

La Provincia di Asti ha finalmente emesso il proprio verdetto in merito al progetto dell’impianto di cogenerazione e rete di teleriscaldamento proposta da Asti Energia e Calore SpA all’interno dell’Ospedale Cardinal Massaia. Questa la formula finale del pronunciamento: «Stante il permanere degli elementi ostativi sopra richiamati, il presente documento ha valore di “Comunicazione dei motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza” ai sensi dell’articolo 10bis della Legge 241/90. Come previsto dalla stessa Legge nei confronti di tale comunicazione il proponente potrà formulare – entro 10 giorni dalla data odierna – eventuali controdeduzioni anche corredate da ulteriori documenti» ...

Bocciato il progetto di teleriscaldamento della città di Asti

  • PDF


di Alessandro Mortarino.

L'attesa decisione è finalmente arrivata e, come tutte le indicazioni tecniche facevano supporre, la risposta della Conferenza dei Servizi al progetto presentato da Asti Energia e Calore SpA è stata negativa: l'impianto non è stato autorizzato. Quattro sono i motivi principali del diniego annunciato dalla Provincia di Asti, non escludendo anche altre carenze di carattere minore. La notizia è stata salutata con soddisfazione da cittadini, comitati e associazioni che a più riprese avevano presentato documenti di analisi critica al progetto; criticità riprese dagli Enti (e, in particolare, dall'ARPA) che ne hanno dunque valutato la concreta consistenza tecnica ...

E' l'ora della decisione per l'ospedale Cardinal Massaia

  • PDF


Annotatevi questa data: venerdì 29 aprile, ore 10 nella sala convegni della Provincia di Asti (piazza Alfieri 33): questo il momento in cui la Conferenza dei Servizi dovrà esprimere il suo parere autorizzativo per il progetto di ospitare allì'interno dell'area dell'ospedale di Asti l'ormai "famosa" centrale di trigenerazione proposta da Asti Energia e Calore SpA per teleriscaldare l'ospedale stesso e una ampia parte della città.
L'ultima seduta non ha sciolto i dubbi e lasciate intatte molte delle criticità segnalate da diversi Enti (in primisi l'Arpa) e questo dovrebbe portare alla decisione di NON autorizzare l'impianto. Per questo invitiamo tutti i cittadini astigiani a presenziare all'incontro e manifestare con la loro presenza il sostegno ad una decisione non facile ma, a nostro parere, a senso unico ...

Teleriscaldamento: il verdetto rinviato di 15 giorni

  • PDF


A cura di Cittadinanzattiva, Legambiente, Osservatorio del Paesaggio, Salviamo il Paesaggio, Stop al Consumo di Territorio, Tempi di Fraternità, Tribunale per i Diritti del Malato, Paolo Montrucchio e oltre 3300 Cittadini.

Dopo aver seguito con grande attenzione la seduta della Conferenza dei Servizi di venerdì 15 aprile, ci eravamo ripromessi, per rispetto all'autonomia degli Enti decisori, di non commentare ulteriormente gli sviluppi del procedimento e di attendere con fiducia il responso finale, rinviato al 29 aprile.
Seduti tra il pubblico avevamo ascoltato gli interventi dei Tecnici che evidenziavano, per l’ennesima volta, le schiaccianti criticità che di fatto impediscono il rilascio delle necessarie autorizzazioni. AEC ha però ritenuto di intervenire anche fuori della sede istituzionale e proprio in queste ore leggiamo un suo comunicato stampa  in cui “ribadisce, infine, la validità ambientale ed energetica del progetto”; una dichiarazione che ci stupisce e ci costringe ad una doverosa puntualizzazione ...

Altri articoli...