Font Size

Cpanel
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttiva

    Questo sito usa i cookies per gestire autenticazioni, navigazione, e altre funzioni, compreso l'inserimento dei commenti. Accettando consentirai che questo tipo di cookies possano essere salvati sul tuo dispositivo.

    View e-Privacy Directive Documents

Il canile di Refrancore cerca "padroni responsabili" PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Gennaio 2017 17:12


“Il più bel regalo che puoi farti è un amico vero: adotta un cane, responsabilmente
”. E’ questo lo slogan della campagna di adozione avviata dai volontari del canile Toppino di Refrancore d’Asti per trovare una casa ai tanti animali ospiti della struttura. L’inverno rigido di quest’anno, che rende particolarmente difficile la vita degli animali e complica la loro assistenza, ha spinto alla divulgazione del progetto di adozione ...

Per far conoscere il canile e i suoi ospiti a quattro zampe si è pensato di rappresentarli in modo originale, attraverso “ritratti” fotografici in bianco e nero che valorizzino le caratteristiche di ciascuno.
I “ritratti” realizzati dal fotografo Franco Rabino sono pubblicati sulla pagina Facebook di ENPA Asti e sul sito http://www.enpaasti.it.
Chiunque fosse interessato all’adozione potrà contattare il canile (telefonare a Marina 338884465 o Patrizia 3478115419) e far visita agli animali previo appuntamento.

Da qualche anno a questa parte è aumentato il numero di cani abbandonati” spiega Marina Borgo presidente di ENPA, sez. Asti. “Complice la crisi, molte persone si liberano degli animali, lasciandoli nei boschi o lungo le strade. Questa modalità aggrava lo spaesamento dei cani che, se sopravvivono, impiegano tempo a superare il trauma. Noi volontari facciamo il possibile per cancellare i brutti ricordi che gli animali portano con sé, ma sappiamo che il modo per renderli davvero felici è trovare loro una casa, affidarli a persone sensibili e responsabili, in grado di prendersene cura  e di contraccambiare l’incondizionato affetto di queste creature. L’amore per gli animali è un dato imprescindibile per le adozioni. Cerchiamo di accertarlo prima di affidare i cani definitivamente, ovvero durante  la fase di pre-adozione e nelle settimane successive, mantenendo i rapporti con gli adottanti anche per dare un supporto e consigli mirati”.

Il canile di Refrancore è nato di recente e per questo è ancora poco conosciuto. E’ una struttura su base provinciale, dove vengono accolti i cani abbandonati (o a volte anche solo smarriti) trovati sul territorio della Provincia di Asti. Se non esistesse il canile di Refrancore, i cani raccolti nella provincia  finirebbero nel canile di Alessandria, con notevole disagio per chi stesse cercando di ritrovare il proprio cucciolo smarrito.
Rivolgersi a un canile vicino è infatti spesso l’unico modo per ritrovare  il proprio cane. Da qui la necessità di far conoscere la struttura.

Al momento, nel canile è più alto il numero dei cani in entrata rispetto al numero di quelli adottati – aggiunge Borgo - Il nostro obiettivo è incentivare le adozioni. Se riusciremo a trovare una casa a un maggior numero di cani, potremo dedicare tempo a quelli che restano e alla realizzazione dei lavori di miglioria  che abbiamo in progetto. Al riguardo segnalo che chiunque volesse aiutarci,  collaborando con noi in prima persona o fornendo un piccolo contributo economico, o anche solo portandoci cibo, coperte, guinzagli, cappottini e quant’altro possa servire, compirà un gesto che i nostri fedeli amici a quattro zampe apprezzeranno moltissimo. Chi vorrà conoscerci potrà incontrarci anche il 28 gennaio nel negozio Fortesan di corso XXV Aprile, in occasione della Giornata della Colletta Alimentare. Mi auguro che questa iniziativa sensibilizzi le persone a prendersi cura non solo dei propri animali ma anche di quelli meno fortunati che ancora cercano una casa. I cani sono adottabili senza alcun esborso economico. L’unico requisito richiesto è l’”amore responsabile”.

Alla campagna collaborano, oltre al fotografo Franco Rabino, Luigi Piccatto che ha disegnato il logo e la scrittrice Laura Calosso.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna